Pubblicità Facebook: raggiungi i tuoi obiettivi con le campagne giuste

Marco Segatto -

tipi di campagne facebook

Quando un’azienda decide di investire in pubblicità su Facebook, può capitare spesso che si chieda:

Quale tipo di campagna devo utilizzare tra quelle indicate dalla piattaforma? Sto scegliendo correttamente?

In questo articolo ci sono le risposte a queste due domande. Verranno approfondite le differenze che ci sono tra i vari tipi campagne Facebook per poi arrivare a scegliere quando utilizzare uno specifico obiettivo rispetto a un altro.

Tipi di Campagne Facebook

La classificazione dei tipi di campagne ricalca un classico modello del marketing: l’AIDA (Attenzione, Interesse, Desiderio, Azione). Gli obiettivi sono divisi in tre grandi categorie che rappresentano le diverse fasi del processo d’acquisto:

  • Notorietà: in questa fase le persone non conoscono l’azienda, l’obiettivo è fare brand awareness sul pubblico target.
  • Considerazione: in questa fase le persone hanno già sentito parlare del marchio. Queste campagne permettono di generare interazione con i clienti aumentando la loro considerazione nei confronti del brand.
  • Conversione: qui si spinge la vendita. Le persone conoscono già il brand e hanno interagito in passato con la sua comunicazione.

Campagne notorietà

Le campagne notorietà servono a generare interesse nei confronti di un marchio, prodotto o servizio. Permettono di raggiungere più persone rispetto agli altri tipi di campagne e di pagare Facebook per il numero di visualizzazioni delle inserzioni. Ci sono due tipi di campagne notorietà:

  • Notorietà del brand: Facebook ottimizzerà la distribuzione delle inserzioni per aumentare il ricordo che le persone hanno del marchio. Questo processo avviene attraverso i suoi algoritmi. L’obiettivo Notorietà del brand fornisce la metrica Aumento stimato del ricordo dell’inserzione (persone), che mostra il numero di persone che probabilmente ricorderebbero l’inserzione se venisse chiesto loro entro due giorni.
  • Copertura: Mostrare l’ inserzione a quante più persone possibili nel pubblico di destinazione. Questo tipo di campagna viene pagata ogni 1000 visualizzazioni delle inserzioni. È possibile anche impostare il numero massimo di volte che una persona può vedere le inserzioni durante la settimana.

Campagne considerazione

Nella fase considerazione le persone hanno già sentito parlare del brand. Queste campagne permettono di generare interazione con i clienti per aumentare la loro fiducia. Nelle campagne considerazione si possono trovare i seguenti obiettivi:

  • Traffico: le inserzioni verranno mostrate alle persone che hanno più probabilità di cliccare nel link del sito web. Questo obiettivo è ottimo per portare le persone al blog dell’azienda o al sito e-commerce. La campagna traffico è la scelta giusta se si desidera creare un pubblico di persone che hanno visitato il sito web.
  • Interazione: le inserzioni vengono mostrate alle persone più interessate a interagire con un post. Con interazione si intendono: mi piace, reazioni, condivisioni, commenti o mi piace alla pagina. Questo obiettivo è ottimo per la riprova sociale, in quanto permette di aumentare drasticamente il numero di like ai post nella pagina.
  • Visualizzazione del video: Facebook mostrerà le inserzioni alle persone che tendono a visualizzare i video. Anche in questo caso, come per la campagna traffico, è possibile creare un pubblico di persone che hanno visualizzato una determinata percentuale del sito web.
  • Generazione di contatti: questo tipo di inserzione permette di raccogliere contatti per l’azienda. È possibile raccogliere informazioni dalle persone interessate ai prodotti o nuovi contatti per la newsletter.
  • Messaggi: le inserzioni vengono mostrate alle persone che tendono a mandare messaggi alle pagine Facebook. L’obiettivo può essere interessante se le prenotazioni vengono gestite attraverso la pagina o se tendenzialmente i clienti contattano il brand per informazioni su una promozione/prodotto.
  • Installazioni di app: l’inserzione viene mostrata a chi tende ad installare applicazioni nel proprio telefono. L’obiettivo è ottimo se l’azienda ha una sua app proprietaria utilizzata dai clienti.

Leggi anche: “Google Tag Manager: cos’è e perché dovresti installarlo nel tuo sito


Campagne conversione

L’obiettivo di queste campagne è vendere.
Questo punto rappresenta l’ultima fase del processo d’acquisto. Prima di arrivare qui una persona ha:

  • Sentito parlare dell’azienda o dei prodotti con le campagne copertura.
  • Interagito con i post, visto i video e ha conosciuto meglio il brand con le campagne interazione.

Una volta che gli utenti hanno conosciuto il marchio con le campagne copertura e interazione, e hanno sviluppato nei suoi confronti fiducia e curiosità, è il momento di spingerli all’acquisto. Ci sono diversi tipi di campagne Facebook volte alla conversione:

  • Visite nel punto vendita: le inserzioni verranno mostrate alle persone che si trovano vicino ai punti vendita fisici. Per utilizzare questo tipo di campagna è necessario aggiungere l’indirizzo fisico delle proprie sedi su Facebook. Questo tipo di campagna è utile per un brand che ha più punti vendita e se il processo d’acquisto è molto breve. In tutti gli altri casi non ha senso usare questo obiettivo. Per coloro che hanno un solo punto vendita è possibile raggiungere lo stesso obiettivo utilizzando una campagna copertura con raggio 1 km attorno alla sede fisica.
  • Vendita dei prodotti del catalogo: questo tipo di campagna è perfetta per chi ha un sito e-commerce. Per utilizzare la vendita dei prodotti da catalogo è necessario collegare l’e-commerce a Facebook. Le inserzioni verranno mostrate a chi ha visualizzato determinati prodotti nel sito.
  • Conversioni: per utilizzare questo tipo di inserzioni è necessario impostare le conversioni nel sito web e avere un minimo di dati settimanali per l’algoritmo (15-20 a settimana). Questa campagna Facebook mostrerà le inserzioni alle persone che hanno più probabilità di convertire nel sito web. Con conversione si intendono molte cose diverse e non soltanto l’acquisto. Alcuni esempi di conversione possono essere l’iscrizione ad una newsletter, il download di un contenuto, l’acquisto di un prodotto, o l’aggiunta al carrello.

Le campagne conversione sono ottime per tutte le aziende che hanno un sito internet o un e-commerce. Sono meno utili per negozi tradizionali con un singolo punto vendita, senza sito internet.

Visione d’insieme e strategia

Per lanciare una campagna di successo però, non basta conoscere cosa fa un determinato obiettivo. Il punto di partenza è sempre la strategia di marketing e la conoscenza del processo d’acquisto dei clienti. Spesso per raggiungere dei risultati bisogna utilizzare contemporaneamente più obiettivi diversi tra loro. Prima di tuffarsi e spendere tutto il budget nelle inserzioni nei social network è importante provare a rispondere alle seguenti domande:

  • Come funziona il customer journey dei miei clienti?
  • In quali fasi del processo d’acquisto voglio essere presente con la comunicazione aziendale?
  • In che modo le persone manifestano il desiderio di acquistare un mio prodotto?
  • Quanto lungo è il processo d’acquisto dei miei clienti?
  • Qual è il metodo migliore per definire chi sono i miei potenziali clienti? Come posso raggiungerli su Facebook? (Geografia, Interessi, Comportamento).
  • Quanto budget ho a disposizione per raggiungere i miei obiettivi?
  • Come posso misurare l’efficacia della campagna?

Se vuoi saperne di più e conoscere la strategia
social migliore per te

Contattaci