Retailers all’avanguardia con G Suite

Alessandro Covre -

G Suite

Tutti siamo alla ricerca di un’avventura da vivere, dalla quale poter estrarre la linfa della vita, imparare e migliorare.
Retailers all’avanguardia, che non smettete mai di cercare nuove opportunità per deliziare i vostri clienti, che vedete il miglioramento nel cambiamento e nell’innovazione…vi propongo un viaggio di 10 consigli offerti da Google per:

  • Aumentare i ricavi attraverso migliori interazioni con i clienti in negozio e on-line
  • Ridurre i costi con efficienza operativa
  • Portare le vostre idee sul mercato il prima possibile

G Suite

1 – Progettare e portare i prodotti sul mercato più velocemente

Da Astley Clarke, non è sempre possibile raggiungere il team creativo, perché in costante movimento intorno al mondo. Utilizzando Google Drive, tutti gli attori del processo di creazione e vendita online lavoreranno sulla creazione e sviluppo di campagne marketing e siti web, condividendo eventuali sketch, immagini e prototipi fotografici.
Così facendo, attraverso Google Drive ogni persona sarà sempre up-to-date sui contenuti, che potrà condividere con persone esterne in maniera semplice e sicura.

2 – Collaborazione con i fornitori

La domanda del mercato fa sì che la velocità sia un fattore critico. Affinché si riesca dare ai clienti ciò che vogliono, è necessario che i team di lavoro rimangano sempre collegati e rispettino i tempi di produzione.
Utilizzando Google Drive sarà possibile condividere design di prodotto, guide sulla qualità, KPI e mockup grafici. Lavorando con Google Sheets e Calendar si potrà gestire i diversi task da svolgere.
Attraverso Hangout, il team sarà provvisto di strumenti efficaci alla comunicazione e la condivisione di informazioni, mentre con Google+ potranno ottenere feedback da fornitori e produttori.

3 – Customer service

Mantenendo sempre aggiornati i punti vendita sugli inventari, i programmi di promozione e sull’estetica del negozio, sarà possibile migliorare il customer service e fornire quindi un supporto migliore ai clienti.
Attraverso Google Drive e la condivisione delle specifiche dei prodotti, delle promozioni, video e FAQ, ogni punto vendita avrà alla portata di tablet o smartphone, la possibilità di fornire un maggior supporto ai clienti, favorendo la customer experience.

4 – Il digitale al servizio del negozio

Una volta c’erano le insegne scritte a mano, poi quelle luminose (Las Vegas decisamente aveva capito il gioco), ora invece potrete migliorare la shopping experience dei vostri clienti, utilizzando le Chromeboxes per personalizzare il negozio.
Una Chromebox è un dispositivo che esegue il sistema operativo di Google, Chrome OS, attraverso il quale potrete gestire facilmente i contenuti digitali da mostrare come insegne, riducendo i costi di stampe personalizzate e aumentando l’immediatezza e la rilevanza dell’esperienza in-store per l’acquirente.

5 – Gestire i processi operativi

Sfruttando a pieno il potenziale di Google Forms, le sedi generali potranno essere sempre messe al corrente in tempo reale degli stock dei negozi.
La sede di Celio, attraverso l’utilizzo di form riesce a gestire informazioni utili durante i picchi di vendita.
I dati delle vendite di tutto il mondo vengono convogliati automaticamente in Google Sheets e attraverso Google Apps Script, trasformati in grafici dinamici, che verranno poi condivisi tra le diverse sedi, i negozi e i centri di distribuzione.
Pochi minuti per creare un nuovo form e iniziare a reperire informazioni dagli angoli del mondo.

6 – Training del personale

L’allenamento è la parte essenziale degli atleti, così come in qualsiasi tipo di professione, l’esercizio e l’etica della disciplina portano a risultati tangibili.
Quando si posseggono diversi negozi per il mondo, il training del personale diventa un fattore chiave, così come la possibilità di eseguirlo in maniera efficacia e a basso costo.
Attraverso video conferenze via Hangout, poi salvate in Google Drive, è possibile formare il proprio personale in maniera standardizzata e mantenendo sempre vivida l’attenzione sui particolari.
Se non ce ne siamo ancora accorti, il video è la forma di contenuto dominante nel web, immaginiamo corsi di formazione e di aggiornamento visualizzabili da un Google Site, a costo zero e sempre disponibili.

7 – Social networking e lavoro di squadra

Quando si ha un’azienda grande come quella di Woolworths, il più grande retailer d’Australia, è difficile comunicare efficacemente con tutti i 200.000 impiegati.
La sua soluzione è stata la semplicità di condivisione di Google+.
Attraverso l’utilizzo delle comunità, gli impiegati posso comunicare attraverso l’intera organizzazione o parte di essa, condividendo idee, introducendo nuovi impiegati, postando le news giornaliere o qualsiasi cosa che possa essere utile e che migliori il lavoro di squadra.

8 – Task e organizzazione

Quando i problemi della gestione IT sono maggiori degli ordini che ricevete, quello è un segno che le cose devono cambiare. Così è stato per Tiger Lily’s, che passando a G Suite ha saputo organizzare gli ordini, inventari e gestire le proprie email efficacemente.
Con Google Calendar hanno potuto organizzare tutti gli appuntamenti dei diversi dipendenti, aumentando la produttività e migliorando la gestione degli ordini.
Attraverso l’utilizzo combinato di Google Sheets e Google Calendar, è possibile creare programmi dinamici, distribuirli e tracciare il loro completamento.

9 – Hub di informazioni

Muoversi veloce significa poter accedere alla maggior quantità di informazioni possibili, in tempi molto brevi.
Ecco che Google Sites diventa uno strumento molto efficace per poter raggiungere un’intera organizzazione, tenendola costantemente aggiornata, attraverso un blog, post, documenti di prodotto, promozioni locali e non, form online e contenuti di formazione.
Google Sites diventa così quella che può essere definita una destinazione one-stop, dove poter organizzare tutti i contenuti e fare sì che diventi un vero e proprio hub di informazioni.
Insomma, uno smistatore di contenuti ad alta efficienza.

10 – Reclutare ed intervistare

I dipartimenti di Humand Resources troveranno in Google Sites un ottimo strumento per la divulgazione di materiali di formazione e di supporto.
Quando il turnover dei dipendenti è molto alto, le tempistiche di reclutamento e di avviamento fanno la differenza per una migliore collaborazione ed integrazione nell’ambiente di lavoro.
Ogni processo delle Risorse Umane può sfruttare a pieno la forza di G Suite, a partire dal reclutamento impiegati.
Una Google Form può essere usato per reperire informazioni, smistare candidati interessati da quelli che non lo sono realmente.
Con Google Hangout si può procedere allo step dell’intervista, metodo molto usato da Google in persona.
Ed infine Google Sites per l’avviamento e il reperimento di materiali di formazione, se non lo avete fatto leggete il punto 9 🙂

A conclusione di questi dieci semplici suggerimenti, abbiamo potuto vedere che la condivisione e la semplicità sono i mezzi trainanti per il raggiungimento di grandi obiettivi.
La bellezza e l’efficacia sta nella semplicità delle cose: più è complicato fare una cosa, più difficile sarà ottenere risultati.
Riducendo le difficoltà e aumentando lo scambio di contenuti ed informazioni, tutti ne beneficiano e ne raccolgono i frutti.

Il cambiamento porta ventate di novità, la staticità ci ferma mentre tutti si muovono verso nuovi orizzonti.
Be clever…change everytime you can!


Vuoi conoscere tutte le potenzialità di G Suite?

MT__Banner_telegram