L’importanza dell’e-shopping nell’era digitale

Maria Carmela Paternoster -

e-shopping corriere

Chi di noi non conosce siti come Zalando, Privalia o Asos? Oppure, alzi la mano chi non hai mai comprato qualche articolo online? Oggigiorno è sempre più difficile resistere all’irrefrenabile impulso di riempire il proprio carrello virtuale degli acquisti. Tutti, donne e uomini, sappiamo bene di cosa sto parlando. E’ il settore dell’e-commerce, dell’ e-shopping, anzi del fashion online: negozi aperti 24 ore su 24 con articoli sempre disponibili all’acquisto in base all’estro (e al portafoglio).

Un trend di tendenza: quando i numeri parlano chiaro

Si allarga sempre di più il concetto dell’ “everywhere and everytime“: gli utenti possono acquistare ovunque si trovino e in qualunque momento della giornata.
Il fashion è uno dei settori più dinamici per quanto riguarda l’eCommerce: esso incide per circa il 10% nelle vendite online, classificandosi secondo solo all’informatica e all’elettronica. Per ulteriori dettagli vi invitiamo a (ri)leggere questo articolo 😉

La user experience dell’e-shopping

Demandware, azienda leader nelle soluzioni cloud commerce per le imprese di moda, lusso, bellezza e food rivela i dati del suo Shopping Index, relativi al primo trimestre del 2016, con focus sul comparto moda: +18% delle visite, +25% dei carrelli, +24% degli ordini. Gli eCommerce spopolano e cambiano le tendenze e gli usi dei dispositivi nell’ e-shopping. Pc, smartphone e tablet sono i tre i strumenti per eccellenza per l’acquisto online. Nello specifico il pc è il device più utilizzato dagli eShopper, segue l’uso dello smartphone che, per quanto riguarda il traffico e gli ordini, registra sempre nel primo trimestre del 2016 un aumento significativo rispettivamente del 31% e del 53%. Il tablet risulta lo strumento meno utilizzato. Un maggior utilizzo dello smartphone va di pari passo con l’ottimizzazione del tempo. Infatti, secondo i dati di ricerca del primo trimestre 2016, la durata media di permanenza per visita da tablet e pc dispositivi, è stata di 9 minuti, mentre da smartphone è stata di 8,1 minuti. Cambia dunque la concezione del tempo, e di conseguenza cambiano pure le esigenze e le aspettative degli utenti. Questo significa creare un’esperienza di shopping ad hoc, che perfezioni sempre più la customer journey. I nuovi consumatori diventano consumAttori: amano essere coinvolti, amano partecipare e diventare i veri protagonisti perché chi cerca online sa esattamente quello che cerca.
Un esempio fra tutti è la tendenza a scegliere il colore del prodotto (+22% rispetto al 2015). E nella moda vince il nero.

Quando la spedizione diventa un vero e proprio plus

Si è detto dell’importanza della customer journey, quel viaggio metaforico che ciascun utente affronta dal primo contatto online con l’azienda fino all’acquisto vero e proprio. Nel comparto moda, caratterizzato da una gamma molto ampia, elevata complessità del prodotto e alto valore della merce, diventa fondamentale garantire e offrire un’esperienza di acquisto fluida, semplice ed efficace. Ma spesso questo potrebbe non bastare. Ecco perché le aziende sono alla costante ricerca di nuove soluzioni. Interessante è il caso di Sarenza, e-tailer specializzato in calzature che offre un servizio Flash, un abbonamento grazie al quale è possibile ricevere il proprio ordine a domicilio in un giorno. Il costo del servizio è di 10 euro per un anno, senza un minimo di acquisto e senza limiti di ordini. Si tratta di una strategia che intende colmare quel gap tra e-shopping e acquisto in negozio riducendo così il tempo d’attesa a sole 24 ore. E questo significa poter portare a casa e indossare subito l’amato oggetto del desiderio. Il servizio rappresenta una novità assoluta per il mondo del fashion e-commerce. Infatti non sono molti i siti di moda che consegnano in tempi così rapidi: tolto il servizio Prime di Amazon, le spedizioni di abbigliamento e accessori normalmente hanno tempistiche standard o, nel migliore di casi, “express” (2-4 giorni lavorativi). Si tratta dunque di un plus e un’opportunità che non tarderà a farsi apprezzare da tutte le shoe-lovers.

Perché tutto cambia, tutto si trasforma e diventa un’opportunità

E’ chiaro come l’e-commerce rappresenti non solo il futuro della distribuzione, ma sia anche un vero e proprio connubio tra il mondo online/offline. E’ uno spazio dove si incontrano domanda e offerta, in continua evoluzione e aperto a infinite soluzioni. I numeri ci parlano di un fenomeno che cambia sì, ma sempre con un occhio di riguardo verso l’utente. Ed è questo il suo punto forte: l’orientamento al cliente a testimonianza che ancora una volta, nella vita come nel business, l’unione fa la forza.


MT__Banner_telegram