Franchising: l’unione fa la forza

Valentina D'Antonio -

Adottare la strategia franchising risulta essere sempre più vincente.
A dimostrarlo sono i primi dati sull’andamento nel 2016, i quali dimostrano che gli articoli per la persona sono cresciuti del 12% e l’abbigliamento dell’11%, soprattutto underwear; sono in aumento comunque anche calzature e pelletterie. Questo format è adottato soprattutto da giovani donne: il 39% dei punti vendita è aperto da imprenditrici e oltre l’85% dei franchisee ha un’età inferiore ai 45 anni.

Franchising è sinonimo di vantaggio

Per chi decide di affiliarsi, gli aspetti positivi sono notevoli: innanzitutto ottiene un’assistenza e un supporto permanente che si traduce soprattutto nella possibilità di beneficiare di know-how già consolidati e potenziati. Inoltre l’identità di marca già affermata contribuisce a fornire un’ulteriore sicurezza al franchisee, che può sfruttare la notorietà del franchisor. Quest’ultimo, infatti, possiede un posizionamento ben preciso e solido nella mente dei consumatori e lo scopo è proprio quello di far sì che anche l’affiliato possa godere di questa buona reputazione.
Sicuramente rendergli noto, da parte dell’affiliante, le proprie conoscenze e tecniche è un elemento di grande aiuto. Tuttavia non basta. Un uso corretto dei software di gestione risulta vantaggioso per entrambe le parti: il franchisee può analizzare le proprie vendite per tenere sotto controllo taglie o capire motivazioni ed eventuali soluzioni per i resi. Il franchisor d’altro canto, è il cuore pulsante di tutto il sistema e per questo deve studiare le dinamiche di acquisto e preferenze dei consumatori. In questo modo può effettuare promozioni o modificare alcuni aspetti delle vendite in base a ciò che più desiderano i consumatori.

Sebbene questa formula distributiva sia comunque impegnativa e soprattutto riduca l’indipendenza di entrambe le parti, le quali devono collaborare l’una con l’altra, se impiegata in modo efficiente ed efficace può essere davvero profittevole per entrambi gli attori, i quali possono diminuire i rischi finanziari.
Il franchising dev’essere funzionale per un arricchimento reciproco, non inteso meramente dal punto di vista economico, ma deve rappresentare uno sforzo collettivo, un mutuo impegno verso un comune risultato e un investimento in cui entrambe le parti devono credere fermamente.

Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme un successo.” Henry Ford

 

Quanto piace il modello di sviluppo in franchising ai retailer?Sinesy Trade

Il business dell’affiliato risente delle capacità del franchisor. Quali sono i fattori di successo su cui investire per un buon franchising?

Fonte web: www.sinesytrade.it/retail-franchising/