Fame di Big Data

Marco Tugnolo -

Big Data

Con l’aumento dei Big Data, molte industrie hanno capito quanto sia utile usare grandi quantità di informazioni per migliorare le loro attività: dalla vendita al dettaglio all’assistenza sanitaria, allo sport, al finanziamento ecc.. Ogni settore ha trovato qualcosa di prezioso su cui concentrarsi per avere margini di miglioramento sia su larga scala che su piccoli dettagli.

I Big Data nella food industry

Anche l’industria alimentare ha compiuto notevoli progressi nell’utilizzo di Big Data.
Essi infatti forniscono una grande quantità di informazioni che, interpretate correttamente, possono trasformare una qualsiasi impresa in un’azienda di successo grazie a crescita e innovazione.
I Big Data permettono essenzialmente ai ristoranti di analizzare con minuzia ogni azione che intraprendono. Queste azioni possono essere sia piccole, come ad esempio una singola interazione con i clienti, che grandi, come l’adozione di un modello di business completamente nuovo.

1. Big Data al servizio del Marketing

La prima area d’impatto dei Big Data è abbastanza nota e comune a molte altre industrie: il marketing. Raggiungere e attirare nuovi clienti è sempre stata una sfida per i ristoranti, sia che si tratti di un nuovo piccolo ristorante cittadino che di una catena di fast food a livello nazionale. Per portare nuovi clienti nella zona desiderata, i ristoranti devono avere una miglior comprensione di ciò che motiva ogni singolo cliente a uscire. Ad esempio, i Big Data possono essere utilizzati per misurare il sentiment dei social media in un ristorante, aiutandolo a capire dove è necessario migliorare e come attrarre quei clienti che magari hanno manifestato un interesse tramite un commento. I ristoranti più evoluti utilizzano strumenti per il rilevamento digitale dei comportamenti proprio mentre i clienti sono in sede, ottenendo così un’analisi in tempo reale dell’esperienza complessiva. L’utilizzo di Big Data in questo ambito quindi conduce il ristorante a perseguire una o più campagne di marketing mirate ed efficaci.

2. Ricette creative & Big Data

Una seconda area d’impatto dove i Big Data possono aiutare un ristorante è nella creazione di nuove voci del menu. A tal fine sono stati sviluppati alcuni programmi informatici per ottenere una grande mole di informazioni e creare nuove idee in base a un insieme di parametri stabiliti. Questi possono anche essere usati per identificare i gusti più popolari che si manifestano in tempo reale. Ti sei mai chiesto come mai il bacon stia diventando un ingrediente sempre più diffuso nei piatti? La risposta va oltre una semplice mania sociale. Un progetto di data mining condotto dalla Food Network e Wired ha dimostrato che molti alimenti hanno avuto un’impennata dei livelli di rating da quando è stato aggiunto il bacon.
Grazie ai software che analizzano Big Data i ristoratori saranno in grado di misurare quanto possa avere successo una nuova voce di menu, considerando non solo il tipo di cibo coinvolto, ma anche il prezzo e gli sforzi di marketing che ci sono dietro.

3. Improved Efficiency Business

Un terzo modo con cui i Big Data possono aiutare i ristoranti è aumentare l’efficienza. Prendiamo il caso di McDonald’s. Utilizzando tali informazioni, la catena di fast food è stata in grado di migliorare l’efficienza del loro “drive-thru” assicurando che a ogni cliente venisse servito quanto ordinato nel modo più rapido possibile. In questo modo hanno aiutato i tempi di anticipo di McDonald’s rendendolo preparato anche quando le richieste dei clienti aumentano vertiginosamente.
Al di là di questo, i Big Data sono stati utilizzati per monitorare il traffico in-store e misurare ogni interazione con i clienti, analizzando quindi l’impatto dei loro cambiamenti sui profitti e tenendo conto anche degli effetti apportati dalle campagne di marketing.

Sono solo i primi passi che i ristoranti stanno facendo nel vasto campo dei Big Data .
Mentre le tecnologie avanzano, questi strumenti d’analisi saranno disponibili in maggior misura anche per le aziende ristoratrici più piccole, portando un significativo contributo in termini di evoluzione, innovazione e di conseguenza crescita del proprio business.